Lug - Set - Non Solo Panza

Vai ai contenuti

Menu principale:

Attività > Bike > 2016

Sabato 02 Luglio 2016


La sezione milanese si espande ed oggi inizia il II semestre dell'anno in grande stile: bici rimesse a nuovo e tecnologia all'avanguardia. Il gruppo cresce e lo fa, come suo solito, alla grande!!


Sabato 02 Luglio 2016


La sezione di Ferrara in trasferta nel comprensorio di Livigno per belle pedalate in quota.

Domenica 03 Luglio 2016


Ripescato il giro dell'Agosto 2014 con ascesa a Santa Franca, Passo Lingudà e Passo Pellizzone.

     

Sabato 09 Luglio 2016


La sezione di Milano ora che ha fatto il grande passo tecnico, morde i freni e sebbene il primo assaggio ufficiale di salita sia stato fissato a sabato prossimo, si è lanciata in un grande battesimo affrontanto il celebre strappo della Madonna delle Grazie. Le prime impressioni di Diego: "Meraviglioso! Non volevo più scendere!!!!!".


Sabato 09 Luglio 2016


Insieme agli amici trentini Rinco Boys ecco il remake della 50Km dei Forti fatta dal nostro gruppo nel Luglio 2008. Si tratta della metà del percorso di gara della celebre gran fondo "100Km dei Forti" che si svolge sull'altopiano di Folgaria, Lavarone e Luserna su un percorso stabilmente segnalato. Non vi tragga in inganno la parola "altopiano" perchè l'intero percorso è un continuo su e giù tra i resti delle fortificazioni, delle trincee e delle retrovie dei fronti della I Guerra Mondiale. Un bel tracciato circondato ora da fitti boschi, ora da viste panoramiche meravigliose vi porterà attraverso i vecchi configni tra Italia e Austria, dove ora regnano solo pascoli.






Sabato 16 Luglio 2016


Oggi giro congiunto con la sezione milanese per guidarla ad affrontare le prime vere salite. Per l'occasione viene rispolverato un giro da inizio stragione sulle colline dell'Oltrepo Pavese fatto in Aprile del 2010, quindi a metà strada tra Cremona e Milano. Giro funestato da guai meccanici e fisici ma degnamente concluso. Forza ragazzi, ora tocca a voi!

     

Domenica 17 Luglio 2016


Cos'è che ci mantiene vivi se non un pizzico di sana follia? Così mentre c'è chi la Domenica mattina di buonora si mette in sella ancora prima che l'alba accenda un tocco di rosso nel cielo e solo la fredda luce delle lampade a led gli indica la strada. Certo incrociare la fauna notturna di lepri, daini e tassi è più emozionante delle luci abbaglianti dei rari automobilisti alienati. Ma poi, quando si lascia la pianura e la strada inizia ad inerpicarsi verso i passi appenninici lasciando la chiassosa pianura lontana alle spalle, si respira tutta un'altra aria.




Domenica 17 Luglio 2016


All'appuntamento a Berceto con Apuane Extreme c'è chi parte da casa in bici e pedala tutta la notte sulle colline. All'alba però sul piatto compaiono nomi di tutto rispetto, snocciolati uno dopo l'altro in pochi chilometri. Così dal parcheggio del ristorante Il Bacher, una volta riunitosi, il gruppetto parte all'attacco del Passo della Cisa, del Passo del Cirone e del Passo della Sillara. In gergo boxistico un 1-2-3 in rapida successione, qualcosa che stende anche i colossi. E sebbene all'alba si pedala meglio, col fresco, sulla Sillara il gran caldo torna a farla da padrone.



Sabato 23 Luglio 2016


OK, sicuramente non era il modo in cui avremmo voluto impegnare questo fine settimana, ma visto che l'estate si è presa una pausa, noi abbiamo dovuto fare di necessità virtù. Così oggi si è ripiegato in un giretto breve, a tratti sotto una pioggerella per fortuna solo lieve, ma che ha creato non poche difficoltà sia in salita che in discesa, viste le forti pendenze e lo sporco tirato giù dal bosco sulla strada col più forte temporale notturno. Quindi giretto breve si, ma anche di discreto impegno.

     

Domenica 30 Luglio 2016


Prima volta nelle valli bergamasche e devo ammettere che ne è valsa davvero la pena! Panorami splendidi soprattutto in riferimento alle gole della Val Taleggio e della Val Serina. Bellissimo anche il panorama in quota. Peccato invece per il traffico e, nonostante il gran numero di ciclisti, la maleducazione degli automobilisti, sempre molto lanciati e predisposti a farti il pelo anche su strette e tortuose strade di montagna. A parte questo dettaglio, tutto il resto è perfetto per trascorrere una bella ed impegnativa giornata di montagna senza doversi spostare troppo ed alla larga dai più gettonati e trafficati percorsi di traferimento verso le mete estive.



Sabato 06 Agosto 2016


Dopo una giornata di temporali intensi, in un week-end da bollino nero sulle autostrade, si può godere del fresco anche nella nostra palestra vicino casa, cogliendo l'occasione per inanellare un giro con 5 "gran premi della montagna" e qualcuno anche di prima categoria, per dare una spruzzata di pepe alla giornata. Giornata che tra l'altro si è resa piacevole per un clima non troppo caldo, dal venticello ristoratore e dal cielo terso che permette di gusare belle viste panoramiche dagli Appennini alle Alpi, attraverso la distesa della Pianura Padana.



Martedì 09 Agosto 2016


Sezione fiorentina impegnata nelle terre Maremmane durante le vacanze estive. Primo giro con partenza da Castiglione della Pescaia, prima verso l’interno su asfalto e poi su sterrato pedalabile e molto piacevole quasi fino al raggiungimento dell’obiettivo “Tirli”, quasi perché l’ultimo chilometro è a spinta su un sentiero che costeggia i piloni che portano l’elettricità alla costa. 




Mercoledì 10 Agosto 2016


Un pomeriggio di relax ogni tanto ci vuole. Oggi è di scena la pittoresca ciclabile sulla sponda bresciana del Lago d'Iseo.




Giovedì 11 Agosto 2016


Sezione fiorentina nelle terre Maremmane secondo capitolo. Giro con partenza da Pian d’Alma, direzione Cala Violina, prima tutto su strade sterrate e poi un meraviglioso dedalo di sentieri tenuti divinamente; come ci ha detto (a gran ragione) un appassionato di MTB del posto “sembrano spazzati, manca solo il tappeto”. Alla fine si arriva al tratto lungo la costa, che permette di pedalare con continue viste su Cala Violina e Cala Martina e su un mare che più blu e trasparente di così non si può. 




Domenica 14 Agosto 2016


Non si può parlare di vacanze estive senza la tradizionale tappa a Livigno. Un collage di foto fatte sui classici percorsi del bellissimo comprensorio lombardo.




Mercoledì 17 Agosto 2016


Giro breve ma intenso tra i passi mitici della Val di Fiemme. Partenza da Cavalese e raggiunto Tesero inizia subito un'aspra salita che in poco più di 10 km doppierà la quota e ci porterà sull'Alpe di Pampeago, tempio degli arrivi in salita del Giro d'Italia, e poco più avanti al passo omonimo ed un pò anonimo, offuscato dal complesso turistico più a valle, ma sicuramente molto più bello paesaggisticamente parlando. Tanto è aspra la salita, quanto lo è la discesa, tutta asfaltata al contrario delle dicerie, che ci porta in picchiata prima a Obereggen, poi su strada con ampia carreggiata fino a Novale. Da qui si torna a salire con pendenze cattive per un altro paio di chilometri e solo passato il ponte sul Rio della Pala si potrà salire un pochino più agevolmente. In breve si raggiunge il Passo di Lavazè e da qui ancora poco ci separa da un anonimo e intasatissimo Passo di Oclini che ci regala una stupenda vista panoramica. Il ritorno a Cavalese si fa in un batter d'occhio scendendo la SS di Passo di Lavazè.

     

Mercoledì 17 Agosto 2016


Una grande avventura per il piccolo Riky! Affrontare 65Km in MTB, con parecchia salita e per un tratto pure sotto la pioggia certo non è da tutti, figuriamoci per un bambino di soli 9 anni. Ma con molto entusiasmo è riuscito ad impressionare sia i genitori che gli amici compagni di viaggio lungo la ciclovia dell'Alpe Adria nel tratto Dogna - Tarvisio. Bravo, complimenti e... ti aspettiamo presto!!




Sabato 20 Agosto 2016


La sezione milanese in trasferta per un week-end ci regala una primizia di stagione: la celebre WeinStraße trentina. Ecco un bel giretto da Mezzolombardo al Lago di Caldaro per una ciclabile circondata da vigneti.


Martedì 23 Agosto 2016


In una bellissima giornata, limpida e dalle temperature gradevoli, oggi si fa "free ride" ovvero si gira in libertà. La mattina abbiamo tutto il tempo di divertirci su e giù tra le vallate intorno al Parco Provinciale del Monte Moria mentre per il primo pomeriggio abbiamo appuntamento per fare da accompagnatori e guide al primo assaggio di salita.







Sabato 27 Agosto 2016


In un week-end da bollino rosso sulle autostrade non conviene fare trasferte e quindi ci si deve per così dire accontentare di palestre e luoghi casalinghi. In realtà quello di oggi è un giro che sebbene non raggiunga passi o vette di un certo rilievo, non ha di certo timori reverenziali con altri più blasonati che invece sono costellati di grandi nomi. Così le celeberrime salite nostrane, autentiche bestie nere dei ciclisti in erba, di Settesorelle e Vezzolacca sono precedute da un'occasione unica: quella di pedalare sulla diga di Mignano.




Sabato 03 Settembre 2016


Quale miglior occasione per lo Chef di sfruttare le sue vacanze nei pressi di Roncadizza, vicino ad Ortisei in Val Gardena, per realizzare uno dei miei sogni nel cassetto? Così che forse stanco di sentirmelo dire, eccolo risalire Passo Pinei ed arrivare a Castelrotto, ai piedi dell'Alpe di Siusi, e vista la splendida giornata e la strada tirata a lucido per il recente arrivo del Giro d'Italia, scalarla fino a Compaccio. Bene, ora tocca me... prima o poi...








Sabato 03 Settembre 2016


Lo scorso week-end ho avuto l'occasione di accedere alla diga di Mignano e togliermi uno sfizio che da anni era rimasto in sospeso. Salendo poi la Vezzolacca e guardando il paese in lontananza, ho pensato che seppur avessi affrontato più volte quella salita, non sono mai arrivato sino al paese che gli da il nome. Forse perchè è posto alla fine di una strada che si stacca circa a metà della salita e poi termina dopo un chilometro circa sul colle dove sorge la chiesa del paese stesso rendendo di fatto non molto interessante la deviazione. Però almeno una volta bisogna pur passar di là no?








Sabato 10 Settembre 2016


Questo è un anno particolare, lo sapete già, è quello del decennale del gemellaggio tra il nostro gruppo e quello trentino dei Rinco Boys, qui potete rivedere le celebrazioni relative e qualche rimando storico. Già dallo scorso Aprile aleggiava nell'aria l'idea di fare una lunga pedalata che da Cremona ci portasse in Trentino, il progetto c'è tutt'ora ma oltre ad un bell'impegno richiede anche molto tempo se la si deve fare in completa autonomia. Così a soli 10 giorni al via, da un'idea lanciata dal nostro Luca ecco nascere un nuovo progetto, certo ridimensionato e non faraonico, ma di tutto rispetto. Informato il Presidente del gruppo trentino in pochi giorni ha letteralmente dipinto una Gioconda partendo da uno schizzo di due righe su un block notes. Corretti errori di traccia e suggerito passaggi anche in terra poco nota come quella Veronese, pesantemente rimaneggiata e di gran lunga migliorata la traccia del giorno dopo sulla Weinstraße, localizzato e prenotato l'agriturismo per la notte, organizzata la cena e la passeggiata Trento by Night e, ciliegina sulla torta, rinvio della'uscita ordinaria già programmata a calendario da mesi per seguirci lungo la scalata del Bondone, a cui si aggiunge un servizio staffetta che non ci ha mai abbandonato per due giorni. In pratica abbiamo pedalato soli solo per i 25Km in terra Veronese all'andata e al ritorno!

Oggi non scriverò che il percorso passava per quel bel paese o che le rampe della salita sono al xx%, per queste info guardatevi le foto e la traccia e documentatevi. Scrivo di persone che da un weekend che prevedeva un giretto in MTB vicino casa al Sabato mattina, hanno stravolto tutti i loro impegni famigliari per stare con noi. Persone che hanno fatto loro un'idea e l'hanno sviluppata e accresciuta per regalarci uno stupendo fine settimana insieme.

Insomma, parlo di amicizia, quello su cui si fonda questo ormai decennale gemellaggio.

Voglio ringraziare a nome di tutti noi, in ordine di apparizione, Cimo, Big Bobby, Briz, Il Camoscio della Sila, Brüke, Walt, Mazzu, Dorty, Rinco Starr e Roby per il tempo che hanno voluto dedicarci.

Un ringraziamento speciale al Presidente Nik3ter per essersi preso particolarmente a cuore questa due giorni, aver stravolto i programmi sociali ed essersi prodigato per ottenere una GRANDE DUE GIORNI!!







Domenica 11 Settembre 2016


Il giorno precedente si è pedalato lungo la Cremona - Trento. Qualcuno avrà da dire sul perchè la "Cremona - Trento" sia in realtà partita da Affi, accorciando di fatto la strada di una 80ina di Km. Rispondo dicendo che  macinare chilometri pressoché piatti, tra strade secondarie, al caldo, in mezzo ai campi sotto  trebbiatura non risquote in me il minimo interesse. Preferisco prendermi un tratto in auto per portarmi a ridosso delle ciclabili e poi affrontare un anello di 55 Km comprendente l'ascesa del Monte Bondone; mi da più soddisfazione.

Non ha prezzo la ciligina sulla torta di ieri: l'inaspettato piacere di percorrere quasi l'intero percorso in compagnia degli amici trentini dei Rinco Boys.

Il giorno seguente, oggi, prima dell'inesorabile mesto rientro, si prevede di pedalare la mattina ancora in direzione nord, varcando il confine col sudtirolo fino al giro di boa sul Lago di Caldaro. Partenza di buon ora, dopo una colazione rinforzata anche... nella vista, lungo la ciclabile dell'Adige, tra vigne e pomi, sempre scortati dai nostri amici. Varcato il confine con la provincia di Bolzano, a Salorno è doveroso un saluto all'amico Gaspa, che è andato avanti già da 4 anni. Riprendiamo poi di buona lena raggiungendo a breve il lago. Fatte le foto di rito sul pontile, ci si immette sulla WeinStraße per il ritorno a Trento. Appena possibile però lasciamo la trafficata provinciale per quello che forse era l'antica strada che, un poco più a monte attraversa i noti paesi di produzione vinicola come Termeno, Cortaccia e Magrè. Spettacolari vedute e passaggi caratteristici nei piccoli centri, addobbati a festa per la vendemmia, per le feste e gli sposalizi tipici del mese.

Tappa ristoro a Cortina, ultimo paese altoatesino, per gustare ancora qualche tipico sapore locale, ma senza aprofittare troppo della bella giornata che consente ancora di pranzare all'aperto.

Rientrati a Roncafort ecco scattare la staffetta Rinco Boys che con un grande impegno ci procura una alternanza di compagni di viaggio che ci scortano via via, nonostante un cielo che si fa sempre più pesante, fino al confine veneto, dove lasciati gli ultimi accompagnatori, torniamo a pedalare da soli, per gli ultimi 25 Km su una ciclabile del miglior stampo Lombardo-Veneto, ma frammentaria, caotica e discontinua, come nostra tradizione, che nulla ha a che vedere con l'autostrada su cui abbiamo pedalato nelle ultime ore. Intanto i nostri amici trentini, anche loro alle prese col rientro a casa, si imbattono in un bell'acquazzone. Arriviamo alle auto ad Affi, asciutti, stanchi, soddisfatti, con nel cuore una grande gioia per le belle ore che abbiamo appena trascorso insieme ai nostri amici.

Rimarrà un gran bel ricordo quello di questo fine settimana, perchè oltre che pedalare in luoghi da favola, siamo stati circondati da persone di gran cuore, con cui non si è mai stanchi di trascorrer le giornate.







Sabato 17 Settembre 2016


Una volta scorazzato in lungo ed in largo per la WeinStraße altoatesina, ci è venuta voglia di andare a vedere sulle vicine colline piacentine cosa si sta preparando per questa nuova annata di Barbera, Bonarda, Ortrugo e... ultimo ma non per questo meno importante... Gutturnio! Ecco allora che si recuperano le tracce di giri già noti in Val Tidone, Val Chiarone, Val Luretta e Val Trebbia, fino a Pietra Parcellara, si mescolano un pò, si taglia di quà e si aggiunge di là, un pizzico di novità anche pepate... ed ecco il giro di oggi. Sapevamo di non doverci attardare coi tempi per poter sfruttare un buco di qualche ora tra la perturbazione che ieri ha rilasciato pioggie abbondanti e quella che in serata porterà altri temporali. Di sicuro non ci aspettavamo così tanta umidità mattutina, tanta da   far risalire una coltre di nebbia quasi invernale dalla Pianura Padana fino dentro alle valli, in modo da farla ristagnare ed oscurarci i tiepidi raggi solari e... abbassare inesorabilmente le temperature! Il giro però è riuscito anche più duro del prevvisto, ne sa qualcosa l'esordiente Luca che però ha combattuto stoicamente contro le sue crisi ed è arrivato soddisfatto alla macchina.





Mercoledì 28 Settembre 2016


L'alta Val Trebbia mette a disposizione oltre che ai suoi bellissimi panorami anche un gran numero di itinerari con diversi gradi di difficoltà e questo, che comprende una delle salite più dure dell'Appennino Piacentino, ne è una conferma.
La partenza è da Marsaglia, in una giornata di fine Settembre dal cielo terso ma con una temperatura che fa ricordare perfettamente il periodo in cui ci troviamo: 7°C. Si percorrono poche strade già note ed in compenso si affrontano due salite di tutto rispetto finora mai affrontate. La seconda poi, quella del Monte Lesima, non ha niente da invidiare a passi dolomitici ben più noti.
Sulla via del rientro si lambisce il più conosciuto ed insipido Passo del Brallo, per poi tuffarsi a capofitto verso il fiume, che nelle ore centrali della giornata, quando la temperatura torna ad esser gradevole, è ancora frequentato.



Torna all'inizio

Torna ai contenuti | Torna al menu