Lug - Dic - Non Solo Panza

Vai ai contenuti

Menu principale:

Attività > Bike > 2018

Sabato 07 Luglio 2018


E' incredibile pensare che nell'anno del 15° anniversario NSP questa di oggi sia solo la seconda volta nelle Alpi Bergamasche. Ebbene si, forse perchè prive di grandi ed altisonanti nomi, ammetto di averle da sempre bistrattate. Eppure anche in questa occasione, (il "battesimo" fu nel Luglio 2016) senza raggiungere grandi quote, c'è sempre qualcosa da apprezzare, qualche bel panorama, o una bella e lunga discesa da affrontare molando tutto. Come allora, nonostante il gran numero di ciclisti che si incontrano in queste valli, c'è da registrare il malcostume degli automobilisti, pronti al sorpasso costantemente radente, in ogni situazione, e sempre a ragione loro.





Sabato 14 Luglio 2018


Nessuna traccia preconfezionata, nessun celebre passo o vetta da scalare. Il giro di oggi nasce tirando righe su una cartina, con l'unico scopo di vedere qualcosa di nuovo senza dover fare una trasferta verso zone turisticamente affollate, dovendo sobbarcarsi oltre al traffico incrociante anche quello durante il viaggio. Scopriamo così le valli dei torrenti Borbera, Torbora e Spinti, in un'area, quella tra le province di Alessandria e Genova, che sembra davvero dimenticata da tutti: ore in sella senza incrociare auto o moto. Pochissimi gli altri ciclisti, forse anche per la pessima qualità del fondo stradale. Del resto queste valli sembrano pure dimenticate da Dio e le montagne danno davvero l'impressione di sgretolarsi da un istante all'altro.





Domenica 29 Luglio 2018


Ci sono sempre nuovi posti da esplorare e spesso, come in questo caso, si fanno belle scoperte. Ecco le splendide valli del comprensorio tra i monti Crocedomini e Bruffione, che poco hanno da invidiare a certi paesaggi trentini. Luoghi remoti e poco frequentati ci lasciano immergere solo nel silenzio dei panorami.








Lunedì 30 Luglio 2018


Bel giro organizzato dagli amici trentini Briz e Roby sulle montagne che si affacciano alla loro bella cittadina di Rovereto. Dopo una impegnativa salita asfaltata a Cimana Pomarolo, che offre belle vedute sulla valle dell'Adige, segue un bellissimo single treck in mezzo ai boschi fino a raggiungere il Lago di Cei. Da qui si scende ancora fino a Patone, da dove inizia la risalita fino ai ruderi di Castel Corno, che sovrastano Rovereto senza farsi scorgere. Poi discesa finale su asfalto fino al rientro.








Domenica 05 Agosto 2018


Se il tempo scarseggia e l'afa non molla, bisogna andare a cercare un pò di fresco in palestra ma alla mattina presto!

Lunedì 06 Agosto 2018


Ancora una puntatina verso le valli Bergamasche e ancora delle belle scoperte. Il periodo è quello che è, e nonostante la tappa infrasettimanale il traffico, fuori dalla ciclabile della Val Camonica e per tutta l'ascesa della Presolana, è stato sostenuto. Del resto il versante bergamasco è ricco di paesi turistici, al contrario della scarna discesa in picchiata che domina tutta la stretta gola del torrente Dezzo e la piana di Croce di Salven.









Venerdì 10 - Sabato 11 Agosto 2018


Prima esperienza cicloturistica su lunga distanza in due giorni per Roby, che con l'amico Alfredo partendo da Cremona hanno raggiunto il mare a Porto Garibaldi, con un casuale incontro di un gruppo di vogatori cremonesi anch'essi impegnati a raggiungere il mare seguendo il Po.



Sabato 18 Agosto 2018


La sezione Veronese trascorre il pomeriggio tra le dolci colline a sud del Lago di Garda tra Sommacampagna, Pastrengo e Bussolengo. Nonostante la vicinanaza al lago il caldo si fa sentire ma la fortuna di attraversare luoghi dove la frutta non manca fa in modo che pesche ed angurie rinfreschino la pedalata.




Sabato 18 Agosto 2018


Un primo test in vista dei prossimi impegni estivi.









Lunedì 20 Agosto 2018


Un secondo test in vista dei prossimi impegni estivi giusto per un confronto sui mezzi e confermare alcune percezioni.








Martedì 28 Agosto 2018


Primo giorno di una avventura cicloturistica che per quattro giorni consecutivi ci porterà a spasso tra Italia ed Austria alla scoperta di alcune delle più belle ciclabili a caratterie europeo. La tappa di oggi prevede la partenza da Calalzo di Cadore e proseguendo sulla per nulla trafficata SS52 superare il trittico di Passo della Mauria, Passo della Morte e Sella di Cima Corso per buttarsi in una lunga discesa nella Carnia Friulana seguendo il percorso del Tagliamento. Dopo poco più di 60 Km a Villa Santina, appena superato il ponte sul torrente Degano, si entra nella Ciclovia della Montagna Carnica che sfrutta parte della ex ferrovia fino a Carnia. Molti passaggi andrebbero risitemati o addirittura ristudiati. La ciclabile prima di attraversare il ponte sul torrente Fella interseca la Ciclovia Romea che da li a poco ci porta a Moggio Udinese, il traguardo odierno.








Mercoledì 29 Agosto 2018


Il secondo giorno prevede la partenza da Moggio Udinese con l'inserimento da subito sulla Ciclovia Romea che senza troppe divagazioni segue il vecchio tracciato della ferrovia Pontebbana. La ciclabile è asfaltata, veramente ben curata, ricca di passaggi nelle vecchie infrastrutture ferroviarie, degne di nota le gallerie con illuminazione "al passaggio". Superata la vecchia stazione di Tarvisio Centrale si abbandona il tracciato ferroviario e si attraversa la foresta di Tarvisio fino ad arrivare alla frontiera con l'Austria. Parte subito la Ciclovia Alpe Adria Radweg che costeggia la statale B83 su ampia sede laterale. Nei pressi di Riegersdorf la ciclabile affianca il fiume Gail e su un bellissimo sterrato lo costeggia fino alla sua immissione nella Drava. Siamo ormai a Villach ed ora ci si inserisce sulla ciclabile della Drava che da Maribor in Slovenia porta a Dobbiaco per ben 366Km. Risaliamo quindi il fiume lungo questa bellissima ciclovia a tratti asfaltata ed a tratti sterrata fino a giungere a Spittal an der Drau.







Giovedì 30 Agosto 2018


Il terzo giorno è interamente in terra austriaca e seguendo il percorso della Drava non prevede il superamento di passi anche se, in vista del confine con l'Italia, la quota altimetrica aumenta. La partenza da Spittal an der Drau è su strada a scarsissimo traffico e spesso lungo il tragitto fino a Lienz si alternano questi passaggi su stradine di campagna, piccoli paesi agresti e altri passaggi sterrati vicino al fiume o in mezzo alla campagna di fondo valle. Giunti a Lienz invece il panorama cambia completamente. La larga vallata della Drava si stringe ed il percorso diventa tutto asfaltato, ora in mezzo ai boschi ed ora più aperto lungo il fiume che è oramai diventato un torrente. Anche la pendenza è aumentata e si incontrano diversi strappi corti, ma che si fanno sentire.

A pochi chilometri dall'arrivo a Sillian, il traguardo odierno, inizia un fortissimo temporale con pioggia a catinelle e forte vento freddo che aumentano ulteriormente il grado di difficoltà.








Venerdì 31 Agosto 2018


Quarto ed ultimo giorno con partenza da Sillian per rientrare subito sul suolo italico e proseguire in leggera ascesa lungo la ciclabile della Drava fino a San Candido e poi Dobbiaco. Da qui svolta per imboccare la Val di Landro seguendo la Ciclabile delle Dolomiti interamente ricavata lungo il percorso della dismessa ferrovia omonima. La salita prosegue regolare fino al Passo di Cimabanche e poi inizia una discesa che ci riporta in Cadore. Parecchi tratti soggetti a frane e smottamenti costringono a passaggi attraverso cantieri aperti. La ciclovia è sterrata fino in prossimità di Cortina d'Ampezzo, poi, salvo qualche tratto soggetto a pesanti lavori di manutenzione e qualche deviazione un pò forzosa, è asfaltata. L'arrivo è a Calalzo di Cadore, nei pressi della stazione ferroviaria.








Sabato 08 Settembre 2018


Interessante escursione lungo tre piste ciclabili bergamasche partendo dal Lago d'iseo. Dopo la secca salita al Lago di Endine, sulla sua riva orientale si imbocca la Ciclovia della Val Cavallina, la più vecchia ciclabile della provincia orobica, che ci porta fino a Zandobbio. Dopo pochi chilometri si entra sulla Ciclovia Pedemontana Alpina; un bel progetto per unire Trieste a Savona, oggi realizzato solo in minima parte. Seguiamo questo tratto di ciclabile fino a Seriate, dove possiamo virare verso nord imboccando da li a poco la Ciclabile della Val Seriana, già percorsa in parte lo scorso 7 Luglio e oggi invece percorsa per intero. A Clusone poi discesa su strada fino a tornare a Lovere.








Torna ai contenuti | Torna al menu