Lug - Dic - Non Solo Panza

Vai ai contenuti

Menu principale:

Attività > Bike > 2010

Sabato 10 Luglio 2010


Organizzata dal gruppo Apuane Extreme, uscita combinata trekking e mountain bike nel comprensorio delle Pale di San Martino. Da San Martino di Castrozza si raggiunge la partenza degli impianti che portano a Colverde e si imbocca il sentiero CAI 702 della Val di Roda fino a raggiungere il Rifugio Rosetta. Dopo un breve ristoro presso il rifugio, si recuperano le MTB e si scende attraverso Passo Rosetta fino al Rifugio Pedrotti dove si imbocca il sentiero CAI 756 in direzione Gares. Da subito si attraversano gli abbondanti accumuli di neve ancora presenti. Dopo aver ripreso quota per un breve tratto, inizia la discesa sempre su sassi smossi e roccette, scendendo di sella solo sulla neve o sui tratti più esposti. Il sentiero continua in regolare discesa, in un contesto lunare, con panorami incredibili, circondati da tutte le vette del comprensorio. All'improvviso, come era scomparso durante l'ascesa, ricompare il verde della vegetazione e presto la nuda roccia del sentiero cede il posto alla terra trasformandolo in un godibilissimo single trek fino a Malga Campigat. Da qui si riparte in ripida discesa sempre in single trek fino ad entrare in un fitto bosco. Purtroppo numerosi gradini costruiti con tronchi per fermare l'erosione del terreno costringono a percorrere a piedi  diverse centinaia di metri. Giunti a Gares su carrareccia si prosegue fino ad imboccare l'asfalto per Canale d'Agordo e poi attraverso un'altra carrareccia si arriva a Falcade. S'imbocca la SP346 poi la SP25 ed inizia la dura ascesa sempre su asfalto per il Passo Valles. Giunti al passo, dopo un breve ristoro, si scende fino ad incrociare la SS50; si svolta a sinistra  e si inizia a salire verso il Passo Rolle. L'ascesa è regolare e meno impegnativa rispetto al Valles; così in pochi chilometri si arriva a scollinare e si prosegue con una bella discesa su fondo perfetto, ricca di divertenti tornanti, fino a rientrare a San Martino di Castrozza.
(Parte degli scatti che seguono sono di proprietà Apuane Extreme - si consulti l'apposita sezione per ulteriori dettagli sulla parte trekking)




Mercoledì 21 Luglio 2010


Rifatto il giretto del 27 Febbraio u.s.. Da Brescia si raggiunge l'abitato di Nave seguendo la viabilità ordinaria e da qui si prende per il Villaggio Monte Maddalena seguendo la temibile salita denominata "Muratello", dal nome della frazione da cui si origina la strada e nota ai bitumari col nome di "Piccolo Mortirolo". Giunti in cima si supera il Ristorante Grillo e giunti al Ristorante Cavrelle inizia la discesa su Brescia.




Sabato 24 Luglio 2010


Ancora test sul percorso di Mercoledì 21 u.s.




Domenica 01 Agosto 2010


Dopo lo Stelvio del 2008/2009, anche Gavia e Mortirolo si concedono in una meravigliosa giornata estiva, a giusta coronazione di una grandiosa giornata di ciclismo. Si parte da Edolo e seguendo la SS 42 si raggiunge Ponte di Legno. La statale si allontana dal grosso centro turistico per poi ripuntarlo dopo un tornante. Poco più avanti un bivio beffardo indica verso la discesa la deviazione per il Passo Gavia sulla SS 300: godiamo di questi momenti perchè per i prossimi 17 Km non ci sarà respiro. Si imbocca una bella valle costeggiando il torrente Frigidolfo che unendosi al Narcanello sotto il leggendario ponte di legno origina il fiume Oglio. Salendo regolari si raggiunge presto Santa Apollonia, dove una volta terminava l'asfalto e dove ancora oggi inizia la parte più dura dell'ascesa al passo. La strada si stringe sempre di più, inizia una lunga serie di tornanti e le pendenze si fanno aspre. Si guadagna quota velocemente circondati da magnifici panorami, prima boschivi e poi brulli. Si arriva ad una galleria non illuminata, solo poche centinaia di metri, ma il buoi pesto e la pendenza la rendono davvero pericolosa. Una volta superata, il difficile non è ancora terminato perchè gli ultimi tornanti rendono ancora duro l'arrivo in vetta. Ora si scende verso Bormio, su un fondo dapprima abbastanza brutto, si percorre un lungo tratto tecnico anche se le pendenze sono lontane da quelle affrontate in salita. Occorre comunque prestare la massima attenzione perchè la strada offre ancora un buon numero di strettoie e di tornanti. Presto si raggiunge Santa Caterina di Val Furva,  la strada si allarga e seguendo il torrente Frodolfo ci conduce velocemente a Bormio. Qui si imbocca la Sp 78 che costeggiando l'Adda porta verso Sondrio. La discesa continua per un tratto controvento, ma si riconincia a salire dopo il bivio con la nuova SS 38, ricca di lunghe gallerie. La vecchia provinciale è invece ridotta quasi a solo uso pista ciclabile. Quando finalmente si torna a scendere il vento contrario è più leggero e ci si può lanicare a tutta verso Mazzo di Valtellina che si raggiunge abbastanza rapidamente. Ora 33 strettisimi tornanti di vero inferno conducono fino in cima al Mortirolo. Pendenze mai viste, che definire impossibili è un eufemismo: una rampa di garage lunga 12 Km, nessuna tregua fino in vetta, una vera lotta contro i nostri limiti. Anche se si è in un fitto bosco fino praticamente in cima, il caldo è bestiale e non c'è una goccia d'acqua. Una volta scollinati, la discesa prosegue tecnica e con stretti tornanti molto insidiosi fino a Monno, dove si entra sulla SP 81 e la discesa si fa più agevole. Presto si arriva all'incrocio con la SS 42 ed in pochi Km si ritorna a Edolo.




Domenica 08 Agosto 2010


Partenza da Bobbio, in Val Trebbia, si imbocca la SS 461 del Penice e la si segue in regolare salita fino al passo omonimo. Inizia ora una veloce discesa verso il confine lombardo ed attraversatolo si raggiunge l'abitato di Varzi. Visitato il paese, si torna di poco indietro ad imboccare la SP 186 che riprende la salita lungo la Val Staffora sino al Passo del Brallo. La salita prosegue ancora un poco sulla SP 89 verso Pregola ed il confine con l'Emilia, poi inizia una discesa tecnica su fondo sconnesso fino a Ceci. Superato il borgo la discesa si fa veloce e divertente lungo la SP 69 fino ad innestarsi sulla SS 461 a 3 chilometri circa da Bobbio.



Mercoledì 18 Agosto 2010


Ancora test sul percorso di Sabato 24 Luglio u.s.



Domenica 22 Agosto 2010


Partenza da Bagolino, in Val di Caffaro per quello che si può definire l'anello corto del Corce Domini. Si segue la SS 669 in direzione Gaver ed appena superate le ultime abitazioni si volta a sinistra in direzione del Passo Maniva. La strada rimane per lo più all'ombra in fitti boschi e sale regolare; solo gli ultimi chilometri sono allo scoperto e presentano alcuni strappi insidiosi. Giunti al Passo Maniva, si prende la SP BS 345 "Strada delle tre Valli" e si prosegue la salita verso il Passo di Croce Domini. La strada continua a salire fino al Giogo dela Bala, poi scende al Passo con due tratti sterrati per complessivi 7 Km circa. Giunti al Passo Croce Domini si riprende la SS 669 che ci porta in salita fino al Goletto di Cadino. Da qui inizia la lunga discesa, solo per qualche breve tratto su fondo insidioso, che ci riporta a Bagolino.



Sabato 28 Agosto 2010


In genere pensando a1 luoghi dove sono state combattute le ultime battaglie di vitale importanza strategica, ci si immagina sontuosi monumenti, sacrari di marmo bianco posti al ricordo delle epiche battaglie ed un fiorente viavai turistico. La meta di oggi è Passo Buole. Durante la Grande Guerra è stato teatro del naufragio della "Strafexpedition" austro-ungarica, e ribatezzato col nome di Termopili d'Italia tanto per far capire il valore di quel risultato favorevole al Regno, Bene, Passo Buole non ha niente di sontuoso, niente di candido e nemmeno file di turisti che lo visitano. Mi ha rattristato.
L'escursione è organizzata dal Gruppo Rinco Boys Mountain Bike Club e prevede di partire da Ala (TN) dove parte l'asfaltata che risale l'omonima valle. Dopo circa 3 Km si devia a sinistra imboccando una stradina più ripida, che dopo altri 4 km circa diventa sterrata. Il fondo è molto vario e presenta alcuni tratti molto smossi, che a causa delle pendenze, costringono a scendere di sella. Proseguendo tra i boschi si raggiunge Prea dei Margonzei, lugo panoramico sulla Val d'Adige. Aumentano anche i resti di cunicoli militari. Giunti a Malga Val di Gatto rimane ancora poco da salire perchè lo scollinamento non è al Passo ma ad una sella posta prima di raggiungerlo. Da Passo Buole si scende per la vecchia strada militare della Val di San Valentino, anch'essa con tratti di fondo molto sconnesso a cui occorre prestare la massima attenzione. Si giunge al Santuario di San Valentino, alla Stretta dei Fusi, dove inizia l'asfalto che in breve riporta ad Ala.




Domenica 26 Settembre 2010


Un breve giro di test tra le campagne di casa nostra.




Domenica 03 Ottobre 2010


L'occasione nasce dall'opportunità di accompagnare per un tratto un amico che si cimenterà nella Cremona - Bardi e ritorno. Si parte da Cremona e superato il ponte sul fiume Po si prende l'argine maestro sulla sponda piacentina e lo si segue fino a Soarza. Da qui una breve strada immersa nei frutteti porta fino a Villanova sull'Arda. Si prosegue per Besenzone lasciando presto il provinciale, e poi per Bersano. Salutato il nostro amico, proseguiamo arrivando presto a Busseto. Da qui con la provinciale torniamo a Villanova per riprendere a ritroso il percorso fatto all'andata e fare ritorno a Cremona.





Domenica 10 Ottobre 2010


Partenza da Lugagnano; si imbocca la SP21 in direzione di Morfasso salendo fino alla diga di Mignano, poi in leggera discesa fino al ponte sull'Arda. Appena superato il torrente si gira a destra iniziando una brusca salita verso Gazzola e poi Rabbini. In leggera discesa si prosegue per Favale e fino all'incrocio con la SP23 che sempre in discesa ma con diversi tornanti iniziali ci riporta a Lugagnano.




Sabato 16 Ottobre 2010


Si replica il giro della scorsa Domenica 10 c.m. apportando qualche variante per così dire "esplo", definizione tanto amata dal mio compagno di viaggio. Superato Rabbini, dopo circa 2.5 Km, occhio al bivio sulla sinistra a mò di tornante con indicazione per Casale: lo si imbocca e rapidamente si risale fino ad incrociare la SP63 e la si prende verso sinistra proseguendo così la salita verso il Parco del Monte Moria. Dopo meno di 1.5 Km si devia sulla destra in direzione Rustigazzo e si prosegue scendendo fino a sfiorare il paese, proseguendo dritti per Vicanino, ed ancora in piacevole discesa fino a reimmettersi sulla SP63 e terminare la discesa nuovamente a Lugagnano.





Sabato 30 Ottobre 2010


Organizzata dal gruppo Rinco Boys Mountain Bike Club l'escursione è denominata "Taverna Tour", dal nome dell'ideatore dell'evento che è giunto alla sua settima edizione. La partenza è dal parcheggio dell'Hotel Ciclamino ed imboccato il Sentiero delle Marocche, parallelo alla SS Gardesana, si scende verso Torbole, attraversando Ceniga ed Arco, ridenti paesini sulle sponde del Sarca. Toccata la spiaggia del Lago di Garda, si inverte la rotta risalendo in direzione di Nago lungo la vecchia strada, per poi prendere la sterrata "della porcilaia" ed altre interpoderali sempre immerse nei vigneti e frutteti. Nei pressi di Dro si è tornati su asfalto verso il "Biotipo delle Marocche" e poi costeggiando il Lago di Cavedine si ritorna a Pietramurata.




Domenica 14 Novembre 2010


In giro tra le terre di casa nostra.




Domenica 04 Dicembre 2010


In giro tra le terre di casa nostra alla ricerca del volo dell'Airone.




Torna ai contenuti | Torna al menu